Le compagnie di assicurazione usano spesso la scusa dell’Atto di Dio per uscire dal pagamento, ma non è tutto un atto di Dio?

Dettagli domanda: mi sembra che le compagnie assicurative stiano cercando di mangiare la torta e mangiarla anch’essa …

“Atto di Dio”

OK. Eccoci qui.

Qualsiasi professionista assicurativo che utilizza la frase “Atto di Dio” è sospetto. Se senti queste parole da qualcuno che lavora nel settore assicurativo, dovrebbe alzare bandiere rosse e luminose. Perché?

  • Le parole “Atto di Dio” non si trovano in QUALSIASI polizza assicurativa.
    • In qualunque posto.

Questo fatto da solo è una ragione sufficiente per mettere in discussione le credenziali di un professionista assicurativo usando la frase.

Mi arrabbio ogni volta che sento il termine “Atto di Dio” nel contesto dell’assicurazione. Soprattutto se utilizzato da qualcuno che lavora nel settore assicurativo. La mia antipatia è alta quasi quanto il disgusto di Ingrid Halvorsen per il termine “piena copertura”! .

Secondo TheFreeDictionary .com, un atto di Dio è definito come:

Un evento che deriva direttamente ed esclusivamente dal verificarsi di cause naturali che non avrebbero potuto essere evitate dall’esercizio di lungimiranza o cautela; un inevitabile incidente.

Le corti hanno riconosciuto vari eventi come atti di Dio: tornado, terremoti, morte, maree straordinariamente alte, venti violenti e inondazioni. Molte polizze assicurative per danni alla proprietà escludono dal loro danno alla protezione causato da atti di Dio.

  • In senso pratico o generale, un “Atto di Dio” si riferisce a una o una combinazione di cause di perdita che dovrebbero essere coperte da una polizza assicurativa.
    • -o-
  • Si riferisce a una causa di perdita che potrebbe non essere coperta da una polizza assicurativa.

Il termine “Atto di Dio” non si riferisce a nessun pericolo specifico o gruppo di pericoli a cui si fa riferimento in QUALSIASI contratto di assicurazione.

“Atti di Dio” coperti: I seguenti “Atti di Dio” sono normalmente coperti nell’ambito di tutte le polizze assicurative immobiliari:

  • tornado
  • Venti violenti
  • grandinare
  • fulmine
  • Eruzione vulcanica

“Atti di Dio” esclusi o disponibili con una politica separata: Altri “Atti di Dio” possono essere esclusi in base ad alcune polizze assicurative, ma sono disponibili prodotti assicurativi per trasferire tale rischio a una compagnia assicurativa (se si sceglie di acquistare):

  • Terremoti / Movimento terra
  • Inondazioni / Alte maree

Sommario:

L’uso del termine “Atto di Dio” non è utile o istruttivo quando si discute di ciò che è o di ciò che non è coperto nel regno dell’assicurazione. Le parole si riferiscono a eventi singoli e unici che potrebbero essere inclusi, aggiunti a un costo aggiuntivo o esclusi dalla copertura a seconda del tipo di politica in discussione.

Hai avuto una conversazione con un rappresentante o un agente assicurativo usando il termine “Atto di Dio” nel contesto di una scusa per mancanza di copertura?

  • Se è così … forse è tempo di trovare un nuovo rappresentante o agente assicurativo.

Grazie per la A2A.

ROFL. Ovviamente hai fatto succedere qualcosa e non sei d’accordo con la decisione. “Act of God” non è un motivo coperto nella politica che ho progettato. Non sarebbe passato in rassegna con il Dipartimento delle Assicurazioni. Devi essere molto specifico e molto chiaro con ciò che escludi e altre quali circostanze nel linguaggio delle politiche. È anche il motivo per cui le compagnie assicurative sono molto rigide nell’interpretazione del contratto. Se fanno un’eccezione, anche una volta, per chiunque, può essere riportato e fatto un’eccezione per tutti. Le compagnie di assicurazione vengono invocate per simili registrazioni per tutto il tempo per verificare se sono coerenti nella loro lingua e interpretazione del contratto.

Ciò a cui potresti veramente riferirti è una clausola di Forza Maggiore in un contratto. Ciò non viene utilizzato come base per negare un reclamo. Le clausole di Force Majeure liberano le parti contraenti dalla responsabilità, anche se non possono eseguire i termini del contratto a causa di forze al di fuori del loro controllo, che si potrebbe dire essere “atto di dio”. Questa clausola è valida solo per la durata dell’evento che ha causato la forza maggiore. Il miglior esempio sarebbe se hai un contratto con AAA per i servizi di rimorchio. Distruggi la tua auto durante una grande tempesta di neve. Chiama AAA per far rimorchiare la tua auto. Ti dicono che non possono farti rimorchiare fino a 24 ore dopo la fine della tempesta, indipendentemente dalla loro garanzia di 3 ore (o qualunque cosa il contratto dica). Questo sarebbe coperto da una clausola di forza maggiore.

Stai perdendo la colpa delle compagnie assicurative. “Act of God” proviene dalla legge sul crimine nel nostro sistema legale. È usato per definire azioni che non erano sotto il tuo controllo. “Act of God” non è esplicitamente espresso in bianco e nero, ma è implicito dalla giurisprudenza / diritto illecito.

Il problema di “Act of God” è il tuo livello di controllo.

Esempio 1 \ Sta passando una forte tempesta. Il vento della tempesta fa cadere il tuo albero sull’auto del tuo vicino. Questo è un “atto di Dio”. A meno che il tuo vicino non ti abbia informato prima che l’albero era marcio, non puoi essere ritenuto responsabile per il vento. Non hai il controllo del vento.

Esempio 2 \ Stai guidando la tua auto lungo la strada. Un bagliore del sole attira la tua attenzione e ti disorienta e perdi il controllo della tua auto. Finisci per guidare la tua auto in una cassetta postale. Questo NON è un “Atto di Dio” perché dovresti avere sempre il controllo della tua auto.

Come puoi vedere, il tuo livello di controllo è un fattore importante nella legge sul crimine. Ciò esiste nel diritto illecito e nel diritto dei contratti, compresi i contratti assicurativi. “Act of God” sono categorie di affermazioni che esulano dal tuo controllo, quindi non sei negligente per il loro verificarsi.

Presumo che tu non abbia effettivamente letto una formulazione politica. “Act of God” non è una frase che troverai in una politica (almeno non in nessuna delle parole che io abbia mai visto e ne ho letti più di cento). Questa è una frase che non è stata usata nell’assicurazione per molti, molti decenni. Non troverai un’esclusione chiamata “atto di Dio”, inoltre molte delle cose che normalmente si possono definire un “atto di Dio” (uragani, tornado, incendi selvaggi, ecc. Sono assicurate anche con le politiche più elementari). L’intera cosa “atto di Dio” semplicemente non esiste più in Assicurazione.

Di nota; se il termine “atto di Dio” esistesse nell’assicurazione, sarebbe stato definito nella sezione delle definizioni della polizza. Solo gli eventi che rientravano nella definizione di “atto di Dio” si sarebbero qualificati come atti di Dio; successivamente, no, non tutto sarebbe un atto divino, solo poche cose specificate. Se non fosse definito nelle formulazioni politiche, la definizione legale standard per “atto di Dio” verrebbe applicata dai tribunali … il che nella maggior parte delle giurisdizioni significa che il termine non avrebbe alcun significato in quanto la maggior parte dei sistemi legali sono ora laici.

Ok ho letto le risposte precedenti e sono state tutte fantastiche.

La cosa dell ‘”atto di Dio” è solo un mito, quindi concordiamo che non è vero.

Pensaci, tutte le politiche coprono gli atti di Dio. vento, grandine, inondazioni ecc.

lascia che ti dia un esempio che potrebbe andare bene.

Supponi di avere un vicino che ha un enorme albero vicino alla tua linea.

Ora un forte vento soffia l’albero giù a casa tua. Hai un danno enorme, sei pazzo e vuoi che il vicino paghi.

Beh, non ti pagherà perché il vento che spinge sopra l’albero è un “” atto di Dio “e il tuo vicino non ha fatto nulla di male.

Ma ora la tua assicurazione sulla casa pagherà perché copriamo gli atti di dio.

l’ultimo

stesso vicino, ma ora questo enorme albero è morto o danneggiato e hai portato queste informazioni all’attenzione dei tuoi vicini. L’albero cade e la tua casa è danneggiata

ora il tuo vicino è responsabile poiché non si è preso cura del suo albero e la sua negligenza ti ha causato danni, quindi la sua assicurazione riparerà la tua casa

almeno nel mio stato nella maggior parte dei casi.

e ha senso dire che un tornado ha lasciato cadere l’albero su una casa a un miglio di distanza. Proveresti ancora a raccogliere dal ragazzo a un miglio di distanza?… .Non lo stesso con la porta accanto.

ecco perché compri un’assicurazione

Questa è una clausola più comune in altri settori, ma i contratti assicurativi normalmente non usano questo termine.

Alcuni rischi sono specificamente esclusi – e dovrebbero essere chiaramente indicati se in paesi con regolatori più maturi – perché il costo di fornire un’assicurazione che includa tali rischi sarebbe semplicemente troppo elevato, ad esempio l’assicurazione contro le alluvioni se si vive in un’area che dovrebbe essere allagato ogni due anni, e l’assicurazione sarebbe effettivamente pre-pagando le spese e piuttosto inutile.

Di che diavolo stai parlando? Nella mia carriera non ho mai negato un reclamo a causa di un “atto di Dio” o “atto della natura”. Ci sono pericoli che non sono coperti, come inondazioni. Inondazione specificamente NON è COPERTO nella politica di un proprietario di abitazione.

Leggi la tua politica per capire meglio la tua copertura. Le politiche sulle linee personali statunitensi sono scritte in inglese ordinario. Sono comprensibili se leggi attentamente.

Fornisci un esempio di perdita negata a causa di “atto di Dio / natura”, in modo che possiamo rispondere correttamente.

È necessario considerare la definizione legale non teologica – Un evento che deriva direttamente ed esclusivamente dall’occorrenza di cause naturali che non avrebbero potuto essere impedite dall’esercizio di lungimiranza o cautela; un inevitabile incidente.

??? Usalo spesso? Sei sul pianeta terra? prima di tutto gli assicuratori negano un’indennità di vita solo se si tratta di una frode provata, di quale atto di Dio stai parlando? Pensi che i commissari assicurativi consentano alle aziende di non pagare i reclami per una buona ragione? Prendi i fatti!